Contributo a fondo perduto fino a 1.500 euro per ogni commerciante e artigiano locale - Comune di San Secondo Parmense (PR)

archivio notizie - Comune di San Secondo Parmense (PR)

Contributo a fondo perduto fino a 1.500 euro per ogni commerciante e artigiano locale

 
Contributo a fondo perduto fino a 1.500 euro per ogni commerciante e artigiano locale

L'Amministrazione comunale di San Secondo Parmense intende supportare le attività di vicinato, artigianali e di servizi. Per far questo è stato predisposto un bando che prevede l'erogazione di un contributo a fondo perduto fino a 1.500 euro messo a disposizione dei commercianti e delle attività produttive che hanno subito durante l'anno 2020 limitazioni nell'apertura dell'attività e di conseguenza una perdita del fatturato.

“La pandemia ha messo a dura prova il commercio locale che ha visto chiusure obbligate, il contingentamento e la soppressione di tutte le occasioni che portavano ad aumentare l'afflusso di visitatori nel nostro paese – spiega il Sindaco Antonio Dodi - Siamo un paese piccolo ma il commercio al dettaglio è una realtà importante che negli anni, nonostante le crisi economiche, ha mantenuto la sua vitalità. I contributi a favore dei commercianti sono un ulteriore aiuto concreto che va ad aggiungersi agli interventi di sgravi ed esenzioni messi in atto durante l'anno 2020 a favore del commercio permanente e ambulante”.

La somma totale stanziata è di 32mila euro, nel caso in cui si dovessero verificare degli esuberi di contributo, l’amministrazione comunale si riserva di poter elevare l'importo massimo sino a 2mila eur per ogni attività avente diritto. La somma potrà essere ridistribuita in percentuale, secondo la graduatoria formatasi, a seguito dell'ammissione delle domande. Ciascun richiedente, persona fisica o giuridica, potrà presentare una sola istanza di contributo, la presentazione delle domande dovrà avvenire entro il 19 gennaio 2021 secondo le modalità reperibili sul sito e sulla pagina Facebook del Comune.

Dopo il lockdown obbligato della scorsa primavera l'Amministrazione comunale sansecondina ha deliberato l'esenzione del pagamento del plateatico e concesso ampliamenti dello stesso, così come sono stati predisposti l'annullamento della tassa per l'occupazione del suolo pubblico da parte degli ambulanti del mercato settimanale e la riduzione della quota variabile della TARI per tutte le attività che hanno subìto la chiusura obbligata. Il totale delle entrate mancanti per il Comune è stato di circa 94mila euro ai quali ora si aggiungono i 32mila euro euro di contributi ai commercianti, a significare la grande attenzione e lo sforzo da un punto di vista economico che l'Amministrazione ha deciso di profondere per far fronte alla crisi del commercio locale dovuta all'epidemia.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (41 valutazioni)